Sei in: Home » Articoli

Federconsumatori: Stato cancelli la norma che può escudere risarcimento a vittime di calamità naturali

federconsumatori
“Siamo allibiti di fronte alla vergognosa ipotesi di mancato risarcimento dello Stato in caso di calamità naturali”, ha dichiarato Federconsumatori in un comunicato stampa, aggiungendo che si tratta di un provvedimento “del tutto improponibile” e che potrebbe riguardare anche il recente terremoto in Emilia.

L'associazione ha infatti ricordato che la norma inclusa nella riforma della Protezione Civile, insieme alla nota “tassa sulla disgrazia”, non sarebbe ancora operativa a causa della mancanza del regolamento che dovrebbe essere emanato dal Governo con l'avallo del Ministero dell'Economia e dello Sviluppo Economico, la conferenza Stato-Regioni e l'Isvap.

“C'è un limite a tutto, non si può permettere alle assicurazioni di lucrare sulle disgrazie dei cittadini”, dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, i quali hanno inoltre fatto richiesta alle suddette istituzioni di non far passare il provvedimento.

Per Federconsumatori l'assenza di forme di risarcimento provenienti dallo Stato obbligherebbe la stipula di polizze sulle calamità naturali, con conseguente arricchimento delle compagnie assicurative le quali già guadagnerebbero abbastanza applicando le tariffe RC auto più care del continente: l'associazione ha inoltre aggiunto che secondo una stima i guadagni sarebbero di circa 6 miliardi di euro prendendo come riferimento un costo medio di 200 euro l'anno a polizza e assicurando 30 milioni di abitazioni private tra prime e seconde case.

Per le associazioni vi sarebbe un'ulteriore aggravante, ovvero che sussisterebbe una grande disparità tra i cittadini che vivono in zone a rischio sisma rispetto a chi vive in zone a basso rischio:”Se proprio lo Stato intende risparmiare sui risarcimenti, disponga un serio piano di controlli ed operazioni per mettere a norma gli edifici secondo le più moderne tecniche antisismiche”, hanno infine dichiarato Federconsumatori e Adusbef.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF