Sei in: Home » Articoli

Cassazione: detenuto non vedente può chiedere il differimento della pena

carcere manette prigione
Il non vedente ha diritto a chiedere il differimento della pena. Parola di Cassazione. I giudici di piazza Cavour, infatti, hanno accolto il ricorso di un detenuto di 49 anni, condannato per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, che si era visto negare la richiesta di differire l'esecuzione della pena proprio per la sua condizione fisica che lo costringeva ad un'esistenza "al di sotto di una soglia dignita' a rispettarsi pure in carcere". Il tribunale di sorveglianza aveva detto no alla richiesta del condannato ma la prima sezione penale della Suprema Corte con sentenza numero 5123/2012 ha ritenuto fondate le ragioni addotte dal non vedente. Nella sentenza la Corte spiega che Che non si può condividere l'impianto motivazionale della decisione impugnata che appare "meramente assertivo" e che, pur tenendo conto delle condizioni di salute di G. A., ha valutato la compatibilita' delle sue condizioni con il carcere, disponendo che il detenuto sia trasferito in luoghi di detenzione che possano far fronte alla infermita', attraverso i supporti assistenziali piu' efficaci e piu' opportuni". Si tratta di una motivazione che secondo gli ermellini appare "del tutto stereotipa nella misura in cui non si confronta con la specificita' della malattia del detenuto, la cecita', che appare relegare lo stato carcerario 'structu sensu' nel rigido recinto contrario al senso di umanita' richiamato dall'art. 27 della Costituzione".
(16/02/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Inammissibile il ricorso? Cassazione condanna il difensore in proprio al pagamento delle spese legali
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
» È lecito girare nudi per casa?
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
In evidenza oggi
Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratisPer amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
Animali in condominio: gli odori sgradevoli sono reatoAnimali in condominio: gli odori sgradevoli sono reato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF