Sei in: Home » Articoli

Camusso inaugura “Donne nella Cgil”, la mostra dal 16 al 21 gennaio presso Centro Congresso Frentani, Roma

cgil id9466.png
Sarà inaugurata il 16 gennaio prossimo dal Segretario generale del sindacato più rappresentativo d'Italia Susanna Camusso, la mostra “Donne nella Cgil”. Fino al 21 gennaio nei locali del Centro Congressi Frentani - Via dei Frentani 4 c - l'Archivio storico CGIL nazionale e lo SPI - Progetto Memoria presentano al pubblico la mostra aperta dalle ore 9 alle ore 17. L'iniziativa nasce dall'idea di illustrare una storia lunga un secolo, cento anni di lotte per la dignità, i diritti e la libertà femminile, “un contributo – fanno sapere gli organizzatori e ideatori della mostra - alla mobilitazione generale in atto nel Paese da parte dell'intero mondo della cultura” sottoponendo all'attenzione dei cittadini, delle istituzioni e delle forze politiche e sociali “i danni che derivano dalle più recenti riduzioni di risorse pubbliche in una complessiva assenza di politica culturale”. Il sindacato fa sapere inoltre che al termine della 'prima settimana degli archivi', un agile volume curato da Ediesse darà conto delle iniziative e fornirà una prima recensione del patrimonio archivistico del Sistema CGIL.
(10/01/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo