Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile ricorso per Cassazione per denunciare generica violazione della inderogabilità delle tariffe forensi

cassazione
In tema di controllo della legittimità della pronuncia di condanna alle spese del giudizio, con la sentenza n. 26730, depositata il 13 dicembre scorso, la Corte di Cassazione ha stabilito che è inammissibile il motivo di ricorso per cassazione che si limiti alla generica denuncia dell'avvenuta violazione del principio di inderogabilità della tariffa professionale o del mancato riconoscimento di spese che si asserisce essere state documentate. L'onere di specificità imposto dall'art. 366 c.p.c., n. 4, impone che nel motivo siano indicati gli errori commessi dal giudice e precisate le voci di tabella degli onorari, dei diritti di procuratore che si ritengono violate, nonché le singole spese asseritamente non riconosciute.
(cfr.: Cass. civ., sez. 2, 19 giugno 2009 n. 14455; Cass. civ., sez. 3, sent. 26 giugno 2007 n. 14744; Cass. civ., sez. 1, sent. 3 novembre 2005, n. 21325; Cass. civ., sez. 3, 9 aprile 2003 n 5581; Cass. civ., sez. 3, 9 ottobre 2001 n. 13417). In altri termini – ha ribadito la Cassazione - in sede di ricorso per cassazione la determinazione del giudice di merito relativa alla liquidazione delle spese processuali può essere censurata solo attraverso la specificazione delle voci in ordine alle quali lo stesso giudice sarebbe incorso in errore, con la conseguenza che il mero riferimento a prestazioni che sarebbero state riconosciute in violazione della tariffa massima, senza la puntuale esposizione delle voci in concreto liquidate dal giudice, è da qualificarsi generico, con derivante inammissibilità dell'inerente motivo (Cass. civ., sez. 3, 27 ottobre 2005 n. 20904).
Consulta testo sentenza n. 26730/2011
(08/01/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Reati: ecco tutti quelli che potranno essere estinti
» Riforma giudici di pace: le nuove competenze punto per punto
» Indennità di accompagnamento: la decorrenza del diritto alla prestazione
» Indennizzo diretto e carrozzerie non convenzionate: se la compagnia decurta il risarcimento applicando la penale, il giudice la condanna al residuo
» Tasso di mora usurario: conversione del mutuo oneroso in gratuito
In evidenza oggi
Cellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivoCellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivo
Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercatoSinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF