Sei in: Home » Articoli

Cassazione: fugge davanti all'altare? Deve risarcire i danni. Ma non tutti

sposa matrimonio nozze unione civile
La promessa di matrimonio è una cosa seria e va rispettata. Lo ricorda la Corte di Cassazione che avverte: l'ingiustificata rottura della promessa può far scattare una condanna al risarcimento dei danni. Prima di fuggire davanti all'altare dunque (o meglio prima di fare promesse) è bene riflettere: non che ci sia un obbligo di contrarre il matrimonio (ci mancherebbe altro) ma è bene sapere che, come dispone l'art. 81 del codice civile, il "promittente" che senza giusto motivo ricusi di eseguire la promessa dovrà risarcire il danno all'altra parte per le spese fatte e per le obbligazioni contratte a causa di quella promessa.
A mettere in guardia da chi con troppa facilità fa una promessa di matrimonio (che peraltro per essere valida - è bene ricordarlo - va fatta per atto pubblico o per scrittura privata) è la sesta sezione civile della Corte di Cassazione (Sentenza n.9 del 2 gennaio 2012). I supremi giudici ricordano che rompere questo tipo di promessa senza giustificato motivo fa sorgere obblighi risarcitori ma in tal caso non si applicano i principi generali in tema di responsabilità civile e non si può quindi riconoscere un risarcimento del danno completo in tutte le sue componenti. Del resto diversamente la norma finirebbe con il trasformarsi in un'indebita coercizione ad accettare un matrimonio non desiderato. Risarcimento si dunque ma limitato alle sole spese affrontate e alle obbligazioni assunte in vista del matrimonio. Non vanno invece risarcite le altre voci di danno e neppure il cosiddetto danno non patrimoniale che i giudici di primo grado avevano invece erroneamente liquidato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/01/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Catasto: è gratuita la consultazione delle visure
» PAS: non è una patologia ma un comportamento illecito
» WhatsApp: solo 2 minuti di tempo per cancellare i messaggi
» Diritto di famiglia: è possibile imporre al minore di frequentare l'altro genitore?
In evidenza oggi
Equitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nullaEquitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nulla
Migranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova leggeMigranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF