Sei in: Home » Articoli

Limiti variabili e segnali - In Italia ognuno fa di testa sua - Scrive il lettore Mario BALDARI

lettere mail posta id10404
POSTA e RISPOSTA n°155 è dedicata al contributo di MARIO BALDARI che, alle h.16:13 del 21 nov '11, esprime a Studio Cataldi le seguenti, gradite considerazioni: "di fatto ogni provincia ed ogni comune sulle sue strade applica i limiti come meglio crede senza tenere conto di particolari situazioni reali che potrebbero determinare limiti più bassi rispetto a quelli imposti dal codice della strada. Alcune province sulle proprie strade applicano il limite dei 70 o ancora più basse anche se le strade sono larghe, dritte, moderne e con intersezioni dotate di rotatorie e nelle stesse zone ci sono strade statali gestite dall'ANAS dove il limite è 90 Km/h anche se quella velocità non è assolutamente raggiungibile ed i limiti sono imposti dalla conformazione.
Io mi sono chiesto e mi chiedo come sia possibile che gli organi di vigilanza stradale non siano in grado di rilevare e segnalare agli enti proprietari tutte quelle situazioni assurde nelle quale limiti diversi si susseguono con diminuzioni, aumenti e nuove diminuzioni, senza apparenti motivi. Secondo me occorrerebbe anche verificare se alla segnaletica stradale corrisponde relativa ordinanza dell'ente proprietario (secondo me buona parte dei segnali è posizionata senza la legittimazione dell'ordinanza)". Aspetto nuovi interventi di altri lettori in proposito perché francamente con questa ...PECORA PEZZATA non si può andare avanti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/11/2011 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF