Sei in: Home » Articoli

Poli integrati del Welfare: miglioramento dei servizi per gli utenti

Con il decreto 28 marzo 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 18 giugno 2011, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle finanze, ha posto in essere un modello organizzativo relativo al Polo integrato del Welfare. Tale Modello prevede una gestione delle attività coordinata e condivisa, per quanto possibile, tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e gli enti previdenziali e assistenziali da esso vigilati. Sono previste Sedi logistiche uniche tese a realizzare nuovi assetti organizzativi territoriali flessibili ai bisogni locali degli utenti, un sistema efficiente di erogazione dei servizi e un sistema organizzativo e amministrativo finanziariamente sostenibile e compatibile con le disposizioni in materia di finanza pubblica. Questi Poli logistici integrati sono costituiti a livello provinciale e comprendono gli uffici territoriali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e le sedi territoriali degli enti previdenziali e assicurativi vigilati. Le attività in questione sono il coordinamento, la condivisione e l'integrazione e riguardano le funzioni istituzionali e di supporto, la programmazione e la direzione delle attività delle Sedi, l'organizzazione e la gestione dei servizi all'utenza, il coordinamento e la gestione dei professionisti e dei medici, le attività ispettive. Il Ministero del lavoro ha come obiettivi: - incremento del livello di accessibilità di tutti i servizi erogati dalle amministrazioni coinvolte; - riduzione strutturale della spesa inerente alla sistemazione logistica ottenuta anche con l'aumento del 40% dell'indice di utilizzazione degli immobili strumentali rispetto al triennio precedente l'entrata in vigore del decreto; - riduzione strutturale della spesa di funzionamento conseguente alla gestione unitaria di attività strumentali e di supporto, nella misura, a regime, del 30% del costo complessivo sostenuto dalle amministrazioni a pari titolo nel triennio precedente l'entrata in vigore del presente decreto; - ottimizzazione dell'utilizzo delle risorse umane attraverso il ricorso a sinergie dei ruoli professionali, di cooperazioni in tema di approvvigionamento delle risorse umane, tenendo conto della tendenziale riduzione dei contingenti di personale e della disciplina limitativa delle assunzioni. E' previsto per le amministrazioni, previo coordinamento dell'Agenzia del demanio, la stipula di un accordo per ciascun Polo logistico integrato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/06/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF