Sei in: Home » Articoli

Allattamento al seno in pubblico: emanata la direttiva

Mai più divieti. Il ministro per la P.A., Marianna Madia ha emanato ieri la direttiva per tutti gli uffici
mamma allatta al seno il proprio bambino

di Marina Crisafi - Sì al diritto delle madri di allattare al seno ovunque si trovino, anche se in un ufficio pubblico. Come annunciato nei giorni scorsi, a seguito dell'episodio che aveva visto protagonista una mamma di Biella allontanata da un ufficio postale perché allattava il proprio bambino di tre mesi (leggi: "Allattamento al seno non può essere vietato in pubblico"), il ministro per la P.A., Marianna Madia, ha emanato ieri una direttiva ad hoc.

Il provvedimento, rivolto a tutti gli uffici della pubblica amministrazione, obbliga ad assumere in merito azioni positive, comportamenti collaborativi e in ogni caso a non adottare condotte che ostacolino le esigenze di mamme e bambini.

L'allattamento, si legge infatti sul sito della Funzione Pubblica, "è un diritto fondamentale dei bambini e le madri devono essere sostenute nella realizzazione del desiderio di allattare". 

Tale diritto, inoltre, si ricorda, "è riconosciuto dalla legislazione comunitaria e nazionale. La direttiva 2006/141/CE richiama il principio della promozione e della protezione dell'allattamento al seno e la necessità di non scoraggiare la stessa pratica".

(04/02/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Auto: dal 2018 con il documento unico per chi non paga il bollo radiazione sicura
In evidenza oggi
Avvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesaAvvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesa
Divorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al meseDivorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al mese
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF