Sei in: Home » Articoli

Va risarcito il passeggero sbadato rimasto incastrato tra le porte della metro

Per la Cassazione la condotta del trasportato non esclude la presunzione di responsabilità del vettore
metropolitana di Londra
di Lucia Izzo - Non si può escludere la presunzione di responsabilità del vettore se questi non dimostra di aver adottato tutte le misure idonee a evitare il danno al passeggero. Questo nonostante la condotta dell'utente che rimane bloccato tra le porte del vagone non essendosi preparato in tempo a scendere.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, terza sezione civile, nella sentenza n. 249/2017 (qui sotto allegata): la ricorrente aveva convenuto in giudizio l'Azienda di trasporti locale, chiedendo il risarcimento dei danni che aveva subito a causa del malfunzionamento delle porte di un treno della metropolitana.

La donna ha dedotto che, al momento della discesa dal convoglio, era rimasta imprigionata tra i due battenti, che si erano chiusi automaticamente, riportando lesioni personali. Tuttavia, il Tribunale rigettò la domanda della donna ritenendo che la negligenza da lei dimostrata nell'ignorare le segnalazioni acustiche e nel violare il divieto di interporre ostacoli alla chiusura delle porte aveva liberato la controparte dalla presunzione di colpevolezza da cui era gravata ex art. 1681 c.c., sentenza poi integralmente confermata in appello.

In sede di legittimità, la ricorrente contesta la Corte territoriale per avere ritenuto che la condotta colposa individuata a suo carico valesse ad esonerare l'azienda dall'onere di provare "di avere adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno".

Questo perchè, in primis, sarebbero dovuti essere presenti dispositivi antischiacciamento che consentono la riapertura automatica delle porte prima della ripartenza del treno in presenza di ostacoli che ne impediscano la completa chiusura, i quali evidentemente erano non presenti o malfunzionanti; in secondo luogo, il macchinista avrebbe avuto l'obbligo di verificare l'avvenuta chiusura di tutte le porte prima della ripartenza del convoglio, mentre nel caso il treno era ripartito e aveva percorso un breve tragitto prima di fermarsi per consentirle di liberarsi dalla stretta delle portiere.

Assume, in altri termini, che l'eventuale concorso di colpa dell'infortunato non poteva valere ad escludere la responsabilità del vettore, in difetto della necessaria prova liberatoria. 

Una ricostruzione accolta dagli Ermellini, secondo i quali la Corte di merito, considerando la negligenza della
trasportata quale fattore idoneo a sollevare il vettore dall'onere di dimostrare di avere adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno, ha però in tal modo confuso il piano del possibile concorso colposo della vittima con quello del superamento della presunzione, in una situazione in cui, per le modalità del fatto, la condotta della passeggera non appariva tale da determinare (ex se) il superamento della presunzione.

In altri termini, spiega il Collegio, il fatto che la donna non si sia attenuta alle segnalazioni acustiche e al dovere di non interporre ostacoli alla chiusura, nulla toglie al fatto che (in presenza di dispositivi antischiacciamento) le portiere non si sarebbero dovute chiudere e che il macchinista non avrebbe dovuto far ripartire il treno prima di avere verificato la completa chiusura delle porte di tutti i convogli e che, in relazione a questi due profili, la Corte non ha accertato che l'azienda avesse "adottato tutte le misure idonee a evitare il danno".

Deve ribadirsi, prosegue la sentenza, che "nel contratto di trasporto di persone, il viaggiatore danneggiato ha l'onere di provare, oltre all'esistenza e all'entità del danno, il nesso esistente fra il trasporto e l'evento dannoso, mentre incombe al vettore, al fine di liberarsi della presunzione di responsabilità posta a suo carico dall'art. 1681, primo comma c.c., la prova che l'evento dannoso era imprevedibile e non evitabile usando l'ordinaria diligenza, ferma restando la possibilità che l'eventuale condotta colposa del danneggiato assuma rilievo ai sensi della previsione dell'art. 1227 c.c.".
Cass., III sez. civ., sent. n. 249/2017
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/01/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF