Apprendistato: sgravi e incentivi previsti per il 2016

Ecco quello che rende questa tipologia contrattuale una delle più vantaggiose
giovani apprendisti in aula
di Valeria Zeppilli – L'apprendistato, tra i molteplici contratti di lavoro conosciuti dal nostro ordinamento, è di certo quello che è stato negli anni più volte sottoposto a riforma (con riferimento alla più recente leggi: "L'apprendistato dopo il Jobs Act").

L'intento è sempre quello di favorire tale modalità di inserimento nel mondo del lavoro, modalità che riserva un ruolo particolare alla fase formativa.

Nel 2016, peraltro, l'apprendistato è di certo anche il più conveniente da stipulare dal punto di vista economico in quanto gli incentivi e gli sgravi previsti sono tutt'altro che irrilevanti.

Esso, addirittura, si presenta in questi termini come più vantaggioso anche del contratto a tutele crescenti.

In particolare tutte le forme di apprendistato sono sottoposte a uno sgravio del 100% per le imprese sino a 9 dipendenti e a una contribuzione al 10% per quelle che superano tale soglia dimensionale.

Inoltre, in via sperimentale sino a fine anno, sono previsti ulteriori incentivi.

Ci si riferisce, in particolare, agli esoneri dal contributo sul licenziamento e dal contributo per il finanziamento della Naspi e del fondo per la formazione professionale applicati all'apprendistato di primo livello. Per quest'ultimo, inoltre, l'aliquota contributiva in capo al datore di lavoro scende dal 10% al 5%.

Senza dimenticare che la retribuzione può essere parametrata sull'anzianità di servizio e che il lavoratore può essere inquadrato sino a due livelli più in basso rispetto alle previsioni del contratto collettivo nazionale di lavoro applicabile.

Peraltro, per l'apprendistato duale la formazione esterna all'azienda è esonerate dalla retribuzione mentre per quella interna la retribuzione è pari al 10%. Ciò almeno in via teorica, visto che non vi è unanimità di vedute circa la concreta applicabilità della previsione in assenza del recepimento in accordi interconfederali o in contratti collettivi nazionali.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/02/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF