Apprendistato: sgravi e incentivi previsti per il 2016

Ecco quello che rende questa tipologia contrattuale una delle più vantaggiose
giovani apprendisti in aula
di Valeria Zeppilli – L'apprendistato, tra i molteplici contratti di lavoro conosciuti dal nostro ordinamento, è di certo quello che è stato negli anni più volte sottoposto a riforma (con riferimento alla più recente leggi: "L'apprendistato dopo il Jobs Act").

L'intento è sempre quello di favorire tale modalità di inserimento nel mondo del lavoro, modalità che riserva un ruolo particolare alla fase formativa.

Nel 2016, peraltro, l'apprendistato è di certo anche il più conveniente da stipulare dal punto di vista economico in quanto gli incentivi e gli sgravi previsti sono tutt'altro che irrilevanti.

Esso, addirittura, si presenta in questi termini come più vantaggioso anche del contratto a tutele crescenti.

In particolare tutte le forme di apprendistato sono sottoposte a uno sgravio del 100% per le imprese sino a 9 dipendenti e a una contribuzione al 10% per quelle che superano tale soglia dimensionale.

Inoltre, in via sperimentale sino a fine anno, sono previsti ulteriori incentivi.

Ci si riferisce, in particolare, agli esoneri dal contributo sul licenziamento e dal contributo per il finanziamento della Naspi e del fondo per la formazione professionale applicati all'apprendistato di primo livello. Per quest'ultimo, inoltre, l'aliquota contributiva in capo al datore di lavoro scende dal 10% al 5%.

Senza dimenticare che la retribuzione può essere parametrata sull'anzianità di servizio e che il lavoratore può essere inquadrato sino a due livelli più in basso rispetto alle previsioni del contratto collettivo nazionale di lavoro applicabile.

Peraltro, per l'apprendistato duale la formazione esterna all'azienda è esonerate dalla retribuzione mentre per quella interna la retribuzione è pari al 10%. Ciò almeno in via teorica, visto che non vi è unanimità di vedute circa la concreta applicabilità della previsione in assenza del recepimento in accordi interconfederali o in contratti collettivi nazionali.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/02/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Muro al confine: le regole del codice civile
» Il reato di concussione
» Il testimone è il tuo peggior nemico? Ecco come sconfiggerlo!
» Divorzi: in aumento per colpa della dieta e della cucina di mammà!

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin