Equa riparazione: la Consulta boccia la legge Pinto

Incostituzionale il termine di tre anni previsto per chiudere i giudizi sul danno da ritardo. Valgono i criteri di Strasburgo
Una lumaca vicino a un martello simbolo del potere giudiziario

di Marina Crisafi - Non si può attendere tre anni per chiudere il primo (e unico) grado di merito previsto per il procedimento sull'equa riparazione offerto ai cittadini che rimangono vittime della giustizia lumaca. Così ha deciso la Consulta (con la sentenza n. 36/2016 pubblicata oggi, qui sotto allegata), bocciando l'art. 2, comma 2- bis della l. n. 89/2001 (la c.d. legge Pinto) nella parte in cui determina in tre anni la ragionevole durata del procedimento finalizzato ad ottenere il ristoro dai ritardi della giustizia.

Ciò in quanto i principi comunitari del giusto processo impediscono al legislatore nazionale nel disciplinare i termini della ragionevole durata dei procedimenti ai fini dell'equa riparazione di consentire una tolleranza pari a quella degli ordinari procedimenti civili di cognizione.

Il giudizio per l'equa riparazione nasce, infatti, per porre rimedio all'inerzia di una giustizia lumaca e quindi il procedimento non può avere la stessa durata delle procedure ordinarie, che nella maggior parte dei casi sono più complesse, ma deve concludersi "in termini più celeri".

Quali?

Quelli indicati dalla stessa Cedu e recepiti dalla giurisprudenza nazionale. Ossia, il limite biennale adottato dalla corte di Strasburgo "per un procedimento regolato da tale legge, che si svolga invece in due gradi".

Per cui la questione di legittimità costituzionale è fondata e la disposizione della legge Pinto va dichiarata illegittima, per violazione degli artt. 111, secondo comma, e 117, primo comma, della Costituzione.

Corte Costituzionale, sentenza n. 36/2016
(19/02/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF