Diritto di Famiglia

Tribunale di Roma: devono intervenire i servizi sociali se i figli rifiutano di vivere con il padre che si è ricostruito una famiglia

L'attivazione del servizio sociale è necessaria per ristabilire relazioni familiari equilibrate anche se non vi è stata alcuna manipolazione da parte della madre sui figli
divorzio figli separazione mediazione

di Valeria Zeppilli – Se due coniugi si separano consensualmente ma il loro rapporto resta fortemente conflittuale, talvolta, in presenza di figli, il ricorso agli assistenti sociali può risultare fondamentale.

A tal proposito, ad esempio, recentemente la prima sezione civile del Tribunale di Roma, con la sentenza numero 18719/2015, ha stabilito che l'attivazione del servizio sociale territorialmente competente è necessaria quando vi siano figli che si rifiutino di vivere con il padre che si sia ricostruito una famiglia.

In tale ipotesi, infatti, i servizi sociali sono chiamati a individuare gli strumenti idonei innanzitutto a contenere la conflittualità, ma anche a ristabilire delle relazioni familiari equilibrate, soprattutto tra padre e figli. Senza dimenticare di coinvolgere anche la famiglia "allargata".

Per i giudici capitolini, tale necessità deve essere accettata dalla madre, la quale deve essere pienamente consapevole di quanto sia importante che i suoi figli abbiano anche con la figura paterna un rapporto adeguato, rapporto che va costruito anche con il nuovo fratello.

I due ex coniugi, inoltre, dinanzi a interessi che non sono più solo i loro devono trovare spazio per seguire un progetto di genitorialità condiviso.

Insomma: anche se non vi è stata alcuna manipolazione da parte della madre sui figli, nella gestione della relazione con la figura paterna, l'intervento dei servizi sociali in tale situazione è stata reputata dal Tribunale comunque fondamentale.

La tutela dei minori viene prima di tutto.


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF