Sei in: Home » Articoli

Cassazione: rifiuto di sottoporsi ad alcoltest? Non sempre si applicano le conseguenze accessorie della guida in stato di ebbrezza

Con due informazioni provvisorie, gli Ermellini hanno chiarito che non scatta la doppia sospensione della patente né l'aggravante per incidente stradale
Uomo in stato di ebrezza fermato dalla polizia

di Valeria Zeppilli – Con due diverse informazioni provvisorie del 29 ottobre scorso, la Corte di Cassazione penale ha chiarito che il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest è esonerato dall'applicazione di alcune delle conseguenze accessorie che, invece, intervengono in caso di guida in stato di ebbrezza

Innanzitutto, infatti, con l'informazione provvisoria numero 20/2015 si è negato che nell'ipotesi in esame sia possibile applicare il raddoppio della durata della sanzione accessoria della sospensione della patente di guida nel caso in cui il veicolo appartenga a persona estranea al reato.

Tale previsione, quindi, non interessa colui che si rifiuta di sottoporsi all'accertamento del tasso alcolemico nel sangue, mentre grava su colui che si pone alla guida in stato di ebbrezza.

Con l'informazione provvisoria numero 21/2015, invece, la Cassazione ha chiarito che al rifiuto di sottoporsi all'accertamento per la verifica dello stato di ebbrezza non si applica neanche la circostanza aggravante dell'aver provocato un incidente stradale, prevista, invece, per il reato di guida in stato di ebbrezza dall'articolo 186, comma 2-bis, del codice della strada.

Sempre del 29 ottobre è, infine, un'ulteriore interessante, sebbene più generale, informazione provvisoria diffusa dalla Cassazione: la numero 19.

In essa la Corte ha precisato che il giudice dell'esecuzione può revocare una sentenza di condanna pronunciata dopo l'entrata in vigore della legge che ha abrogato la fattispecie incriminatrice anche nel caso in cui il giudice della cognizione non abbia preso in esame l'evenienza di tale abrogazione.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF