Sei in: Home » Articoli

L'ente ospedaliero risponde di danni per fatto del medico ex art. 1228 c.c.. Il medico risponde anche per imprudenza e imperizia

Il Tribunale di Trapani fa rivivere l'obiter dictum giurisprudenziale in materia con una sentenza innovativa
medico

Dott. Antonino Miceli - Il Tribunale di Trapani, con la sentenza n. 1000/2015, affronta i tre temi “pilastro” della responsabilità da malpractice medica, quali: l'onere della prova, la diligenza richiesta e la responsabilità del nosocomio per fatto del medico dipendente.

Il paziente deve provare la sussistenza del nesso di causalità tra fatto e danno/i subiti, il contratto di spedalità con la struttura ospitante e l'inadempimento del medico o della struttura sanitaria.

Il medico, al contrario, deve provare che la prestazione è stata conforme a diligenza o che è sopravvenuto un evento imprevisto ed inevitabile.

Inoltre, la diligenza del medico è specifica ex art. 1176 comma secondo c.c., per cui secondo il Tribunale il medico, in via contrattuale, risponde anche per imprudenza e imperizia non solo per i “casi implicanti la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà”.

L'ente ospedaliero risponde dei danni cagionati dal medico perché con il contratto di spedalità assume l'obbligo di protezione verso il paziente dietro il pagamento di un corrispettivo.

Pertanto, il Tribunale di Trapani, rigettando le difese e le eccezioni di controparte, condanna al risarcimento del danno biologico, morale ed esistenziale l'ASP di Trapani ex art. 1228 c.c. e i medici ex artt. 1176 e 1218 c.c. in favore del paziente M.F., rappresentato e difeso dall'avv. Giovanni Angelo del foro di Trapani.

Dott. Antonino Miceli, laureato presso L'Università Cattolica del Sacro Cuore, praticante abilitato, tel. 348 7030304

Sentenza Tribunale di Trapani 1000/2015
Antonino MiceliAntonino Miceli - articoli
E-mail: dottorantoninomiceli@tiscali.it
Si laurea a 24 anni in giurisprudenza all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore. Consegue, nel 2014, il master di secondo livello in professioni legali.
Dal 2015 è altresì agente assicurativo e collabora in un prestigioso studio legale a Trapani
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/10/2015 - Antonino Miceli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF