Sei in: Home » Articoli

Sfratto: cosa succede al primo accesso dell'ufficiale giudiziario?

Tale passaggio ha natura quasi sempre esclusivamente formale
casa in mano con chiavi
Domanda: “Cosa succede al primo accesso dell'ufficiale giudiziario in caso di sfratto?”

Risposta: Il giudice, quando convalida lo sfratto, fissa una data, detta di esecuzione, per il rilascio dell'immobile interessato da parte dell'inquilino moroso.

Se ciò non avviene, il locatore provvede a notificare a quest'ultimo, a mezzo ufficiale giudiziario, l'atto di precetto redatto da un avvocato, intimandogli di rilasciare l'immobile entro 10 giorni dalla notifica, con avvertimento che in difetto si procederà ad esecuzione forzata con aggravio di spese a suo carico.

Trascorso inutilmente tale termine, l'avvocato può procedere alla notifica del cd. preavviso di sfratto, nel quale sono indicati data e ora in cui l'Ufficiale Giudiziario effettuerà il primo accesso nell'immobile interessato onde chiedere all'inquilino la restituzione dell'appartamento al locatore.

Generalmente al primo accesso l'Ufficiale Giudiziario interviene senza l'ausilio della forza pubblica e, se non trova nessuno o riceve da parte del soggetto interessato dallo sfratto il rifiuto ad abbandonare l'immobile, ad esempio perché non ha trovato un alloggio sostitutivo, non fa altro che fissare un nuovo accesso.

È solo in tale seconda circostanza che ci si avvale di strumenti di natura coercitiva, come l'ingresso forzato con l'ausilio di un fabbro o l'intervento della forza pubblica, onde ottenere l'immissione del proprietario nel possesso dell'immobile.

Di solito, quindi, il primo accesso dà esito negativo e nella prassi si trasforma quasi sempre in una semplice formalità: esso, nella sostanza, ha assunto la funzione di verificare la disponibilità al rilascio spontaneo dell'immobile e la sussistenza di eventuali particolari problematiche, con la conseguenza che per l'effettiva liberazione dell'appartamento occorrono generalmente almeno due accessi.


Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(15/09/2015 - Domande e Risposte)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF