Diritto Penale

Fuga da un posto di blocco e guida pericolosa: ricorrono gli estremi del reato di resistenza a pubblico ufficiale

La combinazione delle due condotte integra sicuramente la fattispecie prevista e punita dall'art. 337 c.p.
Poliziotto in divisa
La condotta del soggetto che - guidando un veicolo in modo oggettivamente pericoloso - non si limita a tentare la fuga dinanzi ad un posto di blocco autostradale, ma pone volontariamente in pericolo l'incolumità personale degli agenti inseguitori o degli altri utenti della strada integra l'elemento materiale della violenza al fine del configurarsi del reato di resistenza a pubblico ufficiale

È quanto afferma la VI Sezione Penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 26528 del 24 giugno 2015 occupandosi del caso di un automobilista che, alla guida della propria autovettura, aveva omesso di fermarsi al segnale di alt intimatogli da una pattuglia della Polizia di Stato inscenando una fuga condotta con manovre di guida pericolose. 

Gli agenti di polizia avevano interrotto l'inseguimento dopo avere accertato che a bordo del veicolo si trovava anche un neonato e che le spericolate manovre di guida poste in essere dal conducente potevano porne in pericolo l'incolumità al pari di quella degli altri passeggeri. 

La Cassazione, respingendo il ricorso dell'imputato ha evidenziato che l'inottemperanza all'ordine di arresto impartito con posto di blocco autostradale, cui faccia seguito la fuga del soggetto con attuazione di manovre di guida pericolose per sé, per gli agenti di polizia inseguitori e in genere per gli utenti dei tratti stradali interessati rientra pacificamente nel paradigma di cui all'articolo 337 c.p.

Qui sotto il testo della sentenza.

Giovana Molteni
Corte di Cassazione testo sentenza 24 giugno 2015 n. 26528
(28/06/2015 - Giovanna Molteni)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF