Sei in: Home » Articoli

Cassazione: i provvedimenti c.d. 'de potestate' sono ricorribili per Cassazione?

Un chiarimento dalla Cassazione - sentenza n. 9203 del 7 Maggio 2015
giudice sentenza martello
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 9203 del 7 Maggio 2015. 

I provvedimenti che limitano la potestà (in questo caso, dei genitori) sui figli minori sono suscettibili di ricorso in Cassazione

Nel caso di specie una madre, che a seguito di tormentate vicende familiari (separazione dei coniugi, frequenti liti tra di loro che hanno portato i genitori a servirsi delle figlie come deterrente) si è vista colpire da tale provvedimento, con conseguente affidamento delle figlie ai servizi sociali, propone ricorso straordinario in Cassazione ex art. 111 Costituzione.

Premettendo che i figli nati fuori dal matrimonio, secondo consolidato orientamento legislativo, sono equiparati a quelli legittimi, la Suprema corte rileva come ai provvedimenti “de potestate”, ex art. 317bis codice civile viene conferita definitiva autonomia, “assimilando i provvedimenti conclusivi sull'affidamento dei minori, adottati dal competente Tribunale minorile, a quelli sul medesimo tema pronunciati nei giudizi di separazione e divorzio, con figli minori”. 

I provvedimenti de potestate sono quei tipi di atti giudiziali, di competenza del Tribunale dei minori, che limitano o escludono la potestà o ne sanciscono la decadenza. 

La Suprema Corte ne stabillisce la non ricorribilità presso di sé poiché essi, per definizione (andando a regolare rapporti che per natura sono dinamici) hanno “efficacia non stabile ma temporanea” e sono dunque revocabili in ogni momento, su proposta motivata dell'interessato. Il ricorso è dunque dichiarato inammissibile.

Vai al testo della sentenza 9203/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/05/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF