Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no alla revisione delle condizioni economiche di separazione se non sopraggiungono giustificati motivi

I giudici d'appello avevano revocato l'obbligo dell'ex marito di pagare l'affitto alla ex moglie senza accertare se fossero sopravvenuti fatti giustificativi
Giudice della cassazione
La modifica delle condizioni economiche stabilite in un accordo di separazione consensuale sono possibili solo se sopravvengono giustificati motivi senza i quali la domanda di revisione non pu essere accolta.

quanto stabilisce una sentenza della Corte di Cassazione (n. 8839/2015)  rimarcando come nel caso in esame 
i giudici di merito, non solo hanno revocato l'obbligo di contribuzione senza accertare il sopravvenire di fatti nuovi ma hanno addirittura escluso che vi fosse stato un peggioramento delle condizioni economiche come indicato nella domanda di revisione.

Secondo gli ermellini, inoltre, la corte d'appello  incorsa nel giudizio di extrapetizione, avendo in sostanza "provveduto su un oggetto - la sussistenza in concreto dei presupposti dell'obbligo di versamento del contributo alle spese di abitazione, che cosa diversa dalla revoca del medesimo - estraneo al giudizio di revisione di cui agli articoli 156, ultimo comma, codice civile e 710 e 711, ultimo comma, codice di procedura civile.

Nella fattispecie la corte d'appello di Bologna aveva "rivisitato" l'accordo che coniugi avevano preso in sede di separazione revocando l'obbligo dell'ex marito di versare un contributo alla ex consorte per far fronte alle spese di affitto.

Ma per la Cassazione la corte d'appello non poteva accogliere una domanda di revisione senza aver prima accertato se fossero sopravvenuti fatti giustificativi di un nuovo assetto dei rapporti patrimoniali.




Cassazione Civile, testo sentenza 8839/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/05/2015 - N.R.)
Le pi lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF