La Cassazione dice basta ai giudizi sommari e alle sentenze che adottano la linea dura solo contro chi è extracomunitario. Gli ermellini invitano i colleghi a non infierire sugli immigrati con decisioni inflessibili adottate sulla sola base di preconcetti. Non è raro infatti che gli extracomunitari ricevano un trattamento diverso rispetto ai connazionali per fatti sostanzialmente analoghi. Piazza Cavour ha quindi invitato a decisioni non discriminatorie occupandosi di un caso in cui non era stata concessa la sospensione condizionale della pena ad un immigrato accusato del tentativo di furto di un'autovettura. I giudici di merito avevano adottato una linea dura per il fatto che, nonostante la sua incensuratezza, era un "cittadino extracomunitario privo di validi referenti sul territorio nazionale ed in particolare di stabile attivita' lavorativa". I magistrati su questi presupposti avevano ritenuto "non presumibile che l'imputato si astenga dal commettere altri reati" e per questo negavano la sospensione condizionale della pena.
Altre informazioni su questa sentenza
Condividi
Feedback

(19/09/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Stalking se il padre assilla la ex con la scusa di vedere il figlio
» Frammenti: le short stories di Studio Cataldi