Con l'ordinanza n. 9590 depositata il 22 aprile, la Corte di Cassazione ha stabilito che la notifica fatta al familiare del contribuente è valida. La Corte accogliendo il ricorso del fisco ha stabilito che "la notifica mediante consegna a persona di famiglia non postula necessariamente l'ulteriore requisito della convivenza - non espressamente menzionato dall'art.139 c.p.c. - risultato sufficiente l'esistenza di un vincolo (di parentela o di affinità) tale da giustificare la presunzione che la "persona di famiglia" consegnerà l'atto al destinatario.
Condividi
Feedback

(27/04/2010 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: illecito chiedere compensi al cliente ammesso al gratuito patrocinio
» Coronavirus: mutui sospesi fino al 30 settembre su richiesta