Saranno 300 milioni gli euro in arrivo nelle tasche degli Italiani che hanno presentato e vinto un ricorso entro la data del 30 giugno 2009. È quando rende noto l'Associazione Contribuenti Italiani. Le Commissioni tributarie hanno infatti condannato l'amministrazione finanziaria a rimborsare i cittadini per imposte pagare a torto e la cui totalità riguarda l'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irperf). Il rimborso si potrà avere in un qualsiasi ufficio postale, attraverso un vaglia o potrà essere accreditato in un contro corrente indicato dal contribuente. L'associazione, (una volta ottenuta la sentenza favorevole che farebbe sorgere il diritto al rimborso), invita i contribuenti a informarsi sul sito www.agenziauscite.it per ottenere il rimborso in maniera sicura ed evitare le truffe in cui potrebbero incorrere i contribuenti.
Condividi
Feedback

(14/08/2009 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: illecito chiedere compensi al cliente ammesso al gratuito patrocinio
» Coronavirus: mutui sospesi fino al 30 settembre su richiesta