Sei in: Home » Articoli

Notifica a mezzo posta: valida dalla data della consegna all'ufficiale giudiziario

La Corte Costituzionale, con sentenza depositata il 26 novembre scorso (n. 477/2002) ha dichiarato l?illegittimità del combinato disposto dell?art. 149 c.p.c. e dell?art. 4, comma terzo della legge 890/82, nella parte in cui si prevede "che la notifica si perfeziona, per il notificante, alla data di ricezione dell'atto da parte del destinatario anziché a quella, antecedente, di consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario". Secondo i Giudici della Consulta, infatti, non è ragionevole far ricadere sul notificante gli effetti di un eventuale ritardo di attività cui sono tenuti altri soggetti come l?ufficiale giudiziario o l?agente postale. Resta peraltro fermo ? precisa la Corte - il principio per cui, per il destinatario, il perfezionamento della notificazione avviene "solo alla data di ricezione dell?atto, attestata dall?avviso di ricevimento, con la conseguente decorrenza da quella stessa data di qualsiasi termine imposto al destinatario medesimo".
(28/11/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF