Sei in: Home » Articoli

Cassazione: vietato dare del ruffiano

L'espressione "leccac..." solitamente utilizzata per dare del ruffiano al proprio interlocutore finita stto il giudizio dela Corte che rinvenuto nela fattispecie la sussistenza del reato di ingiuria. Nella sentenza della Quinta sezione penale (n.43060/2007) si legge: "si puo' ritenere che il termine 'leccac'. non sia soltanto forte o suggestivo, possedendo esso una indubbia carica offensiva e fuoriuscendo assolutamente dai canoni della continenza [...] espressiva". L'imputato inoltre aveva definito pa persona destinataria dell'ingiuria come una 'acida nubile', Ma c'era stato gi un precedente.
Il condannato era gi finito in tribunale per un'altra igniria avevdo dato del "leccapiedi" ad un avversario durante un'aspra polemica. I giudici di Piazza Cavour hanno che, anche se "e' vero che la polemica politica ci ha abituati all'uso di termini che un tempo erano considerati inammissibili" per cui "la critica per essere efficace deve contenere espressioni forti ed anche suggestive ed iperboliche per richiamare l'attenzione dei destinatari della critica", e' anche vero che non deve mai "trascendere nell'offensivo". Per questo la Corte ha ritnuto che dare del 'leccac...' a qualcuno "offensivo" e, come scrive il relatore, "fuoriesce assolutamente dai canoni della continenza espressiva". La critica "puo' essere anche corrosiva e forte" ma "non puo' trascendere in gratuito attacco personale" fino rivolgersi a qualcuno per dargli del ruffiano. La Corte nela sentenza ha espresso il suo disappunto anche per l'uso della definizione 'acida nubile'.
(02/12/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Multe: se il Prefetto non si costituisce l'automobilista ha ragione
» Obblighi di assistenza familiare: quando non c' reato
» Agevolazioni legge 104
» Arriva la riforma del processo civile
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria

Newsletter f g+ t in Rss