Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giro di vite contro chi abusa delle corsie di emergenza

D'ora in avanti prima di impegnare una corsia di emergenza si dovrà avere un valido e "giustificato motivo". E' quanto afferma la Corte di Cassazione (Sent. 7357/2007) che ha respinto il ricorso di un automobilista multato proprio per aver circolato in una corsia di emergenza.
A sua discolpa, l'automobilista aveva dedotto di essersi trovato inbottigliato nel traffico e di aver scelto la corsia di emergenza per "motivi di salute" essendo affetto da una ipoacusia neurosensoriale bilaterale documentata da certificazione medica e temendo possibile pregiudizio per la sua persona.
I giudici della Corte hanno rilevato che l'onere di provare una "esimente reale o putativa", è a carico dell'autore dell'infrazione "non essendo sufficiente una mera asserzione sfornita di qualsiasi sussidio, e l'allegazione da parte dell'imputato dell'erronea supposizione della sussistenza dello stato di necessita' deve basarsi, non gia' su un mero criterio soggettivo, riferito al solo stato d'animo dell'agente, bensi' su dati di fatto concreti, i quali siano tali da giustificare l'erroneo convincimento in capo all'imputato di trovarsi in tale stato".
La Cassazione ha ritenuto che nella fattispecie "non ricorresse alcuna necessita' di salvare se' o altri dal pericolo attuale e immediato di un danno grave alla persona".
(30/03/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss