La Corte di Cassazione (sent. 5861/2002) ha stabilito che non è proponibile la domanda di revisione delle condizioni della separazione, prevista dall’art. 710 c.p.c., prima che sia passata in giudicato la sentenza che ha pronunciato sulla separazione stessa e questo perché mancherebbe di fatto una statuizione da modificare con la conseguenza che il giudizio sarebbe privo di oggetto e mancherebbe del suo presupposto. Secondo la Corte diventa irrilevante anche la circostanza che sia stato proposto o meno l’appello avverso tale sentenza.
Condividi
Feedback

(03/06/2002 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello