Sei in: Home » Articoli

Riabilitazione fallito: i termini del reclamo avverso la sentenza decorrono dalla affissione della sentenza

La Corte Costituzionale (Sent. 15 luglio 2004 n. 224) ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 144, quarto comma della Legge Fallimentare (Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267), nella parte in cui prevede che il termine per la proposizione del reclami avverso la sentenza che provvede sull'istanza di riabilitazione decorre dalla affissione della sentenza stessa anziché dalla sua comunicazione. I Giudici della Consulta hanno infatti precisato che la scelta dell'affissione quale forma di pubblicità idonea a far decorrere i termini per l'impugnazione, può essere giustificata solo dalla difficoltà di individuare coloro che possono avere interesse a proporre l'impugnazione stessa mentre risulta priva di razionale giustificazione se riferita a soggetti preventivamente individuati dal Legislatore e ciò in quanto l'affissione determina una mera presunzione legale, tra l'altro insuperabile, di conoscenza dell'atto ed è quindi compatibile con il diritto di difesa del destinatario nei soli casi in cui l'individuazione di questi, ed il conseguente ricorso a mezzi di comunicazione diretta dell'atto stesso, risultino impossibili o estremamente difficoltosi.
(02/09/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss