Sei in: Home » Articoli

Non si rassegna ai domiciliari. Scappa per farsi arrestare e avere un pasto caldo!

carcere prigioniero detenuto

Ha del paradossale - ma nemmeno poi tanto (visto che non è il primo caso) - la vicenda di un 35enne miranese che, costretto agli arresti domiciliari per il reato di rapina impropria (posta in essere per tentare di rubare una bicicletta), fa di tutto per farsi incarcerare. 

Spinto dalla disperazione di sentirsi abbandonato da tutti e dalla mancanza di mezzi di sostentamento, il giovane è evaso più volte dalla sua abitazione con la precisa volontà di farsi arrestare - e poter procurarsi, così, almeno un pasto caldo! Solo alla quarta uscita non autorizzata, il 35enne evasore è stato fermato dalle forze dell'ordine, ma anziché "spedirlo" in prigione, il magistrato di sorveglianza competente ne ha disposto l'affidamento a una comunità protetta (insomma vitto e alloggio come voleva e soprattutto possibilità di avere un aiuto concreto per il reinserimento sociale). 

Data la relativa lievità del reato commesso, la prima finalità della misura disposta dal Magistrato è, infatti, il recupero sociale del soggetto

Un caso singolare, che potrebbe suscitare qualche riflessione riguardo le disposizioni del recentissimo "Decreto Carceri" in materia di custodia cautelare extracarceraria...



(03/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF