Sei in: Home » Articoli

Pmi, accesso al credito agevolato dal commercialista

Condividi
Seguici

Lo stabilisce la bozza di accordo elaborata dal Consiglio nazionale della categoria per gli Ordini locali grazie alla quale le imprese clienti avranno un canale dedicato e condizioni agevolate con gli istituti bancari
una clessidra fatta di monete

di Gabriella Lax - Saranno i commercialisti ad agevolare l'accesso al credito per le piccole e medie imprese. Lo stabilisce la bozza di accordo elaborata dal Consiglio nazionale della categoria per gli Ordini locali grazie alla quale le imprese clienti avranno un canale dedicato e condizioni agevolate con gli istituti bancari.

  • 1. Pmi e commercialisti
  • 2. Termini e durata dell'accordo
  • 3. Oggetto dell'incarico
  • Pmi e commercialisti

    Toccherà dunque al commercialista agevolare il credito alle pmi facendo da intermediario con i partner bancari. Lo prevede la bozza di libero accordo, come riferisce il sito del Cndcec, elaborata dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, d'intesa con l'Organismo Agenti e Mediatori (OAM), che gli Ordini territoriali della categoria potranno siglare con i principali istituti di credito nazionali per favorire l'assistenza degli iscritti all'Albo a favore delle piccole e medie imprese italiane nei programmi di sviluppo aziendale e di finanziamento.

    Termini e durata dell'accordo

    Si tratta di durata indeterminata, consentirà alle piccole e medie imprese assistite dai commercialisti di disporre di un canale di accesso qualificato alle risorse finanziarie delle banche che, attraverso un canale dedicato, potranno esaminare le richieste di servizi e prodotti bancari ricevute dalle Pmi e adottare condizioni agevolate rispetto a quelle di solito applicate sul mercato.

    Oggetto dell'incarico

    Il commercialista offrirà una consulenza aziendale, con particolare riferimento all'analisi della situazione finanziaria dell'impresa. Il supporto professionale sarà improntato ad un principio di ottimizzazione delle fonti di finanziamento e l'assistenza cercherà le migliori soluzioni tecniche in ragione delle specifiche esigenze aziendali. Nelle prossime settimane, lo stesso Consiglio nazionale metterà a disposizione anche un fac-simile di mandato che gli iscritti potranno sottoscrivere con i loro clienti per lo svolgimento dell'attività di consulenza aziendale, con particolare riferimento proprio all'analisi finanziaria dell'impresa.

(13/12/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss