Sei in: Home » Articoli

Lo statuto degli studenti

Condividi
Seguici

Gli studenti e le studentesse delle scuole medie e superiori italiane vantano degli specifici diritti, sanciti dallo statuto del 1998
gruppo di studenti universitari

di Valeria Zeppilli - Non tutti sanno che gli studenti delle scuole italiane, da oltre venti anni, possono far valere degli specifici diritti, contenuti in uno statuto agli stessi dedicato.

Si tratta di un vero e proprio testo normativo, applicato sia alle scuole medie che alle scuole superiori.

  • 1. Statuto degli studenti e delle studentesse: il testo
  • 2. Statuto degli studenti: i principali diritti
  • 3. Diritti degli studenti: obblighi della scuola
  • 4. Statuto degli studenti: i doveri
  • 5. Statuto degli studenti e regolamento d'istituto
  • 6. Statuto degli studenti: le mancanze disciplinari
  • 7. Il patto educativo di corresponsabilità
  • Statuto degli studenti e delle studentesse: il testo

    Lo statuto degli studenti e delle studentesse, in particolare, è contenuto nel decreto del Presidente della Repubblica numero 249/1998, emanato il 24 luglio 1998.

    In tale testo sono contenuti non solo i diritti degli studenti ma anche i doveri che questi sono tenuti a rispettare.

    Statuto degli studenti: i principali diritti

    Partendo dai diritti, lo statuto afferma innanzitutto che a ogni studente deve essere assicurata una formazione culturale e professionale qualificata che ne rispetti l'identità e che sia aperta alla pluralità delle idee. L'obiettivo della scuola deve essere quello di assicurare la continuità dell'apprendimento e valorizzare le inclinazioni personali degli studenti.

    I ragazzi hanno poi diritto:

    • alla riservatezza e all'informazione
    • alla partecipazione attiva e responsabile alla vita scolastica
    • a una valutazione trasparente e tempestiva
    • alla libertà di apprendimento e di scelta tra le attività curricolari integrative e tra quelle aggiuntive facoltative offerte dalla scuola
    • ad associarsi e svolgere iniziative all'interno della scuola.

    Agli studenti stranieri è poi garantito il diritto al rispetto della vita culturale e religiosa della comunità di appartenenza.

    Diritti degli studenti: obblighi della scuola

    Per garantire il pieno esercizio dei diritti riconosciuti agli studenti, le scuole sono onerate dell'impegno di porre in essere tutte le condizioni necessarie affinché:

    • l'ambiente scolastico favorisca la crescita integrale della persona,
    • il servizio educativo/didattico sia di qualità,
    • siano garantite delle offerte formative aggiuntive e integrative, anche a seguito di iniziative spontanee degli studenti e delle loro associazioni,
    • venga favorito il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio e venga prevenuta e recuperata la dispersione scolastica,
    • gli ambienti scolastici siano sicuri, salubri e adeguati a tutti gli studenti, compresi quelli con handicap,
    • vi sia disponibilità di un'adeguata strumentazione tecnologica,
    • vengano sostenute e promosse la salute e l'assistenza psicologica.

    Statuto degli studenti: i doveri

    Come accennato, agli studenti non sono solo riconosciuti degli importanti diritti. Lo statuto, infatti, prevede anche degli specifici doveri da rispettare.

    In particolare, tutti i ragazzi sono chiamati a frequentare le lezioni con regolarità e ad assolvere a tutti i loro impegni di studio.

    Gli studenti, poi, devono rispettare, anche formalmente, il capo d'istituto, i docenti, tutto il personale della scuola e i propri compagni.

    I diritti garantiti dallo Statuto, inoltre, vanno esercitati nel rispetto dei principi sanciti dallo Statuto stesso, che, tra le altre cose, sancisce la libertà di espressione e di religione, il rispetto reciproco e la pari dignità di ognuno, pur nella diversità di ruoli.

    Si prevedono, infine, gli obblighi di utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi, di comportarsi in maniera tale da non arrecare danni al patrimonio della scuola, di avere cura dell'ambiente scolastico e di osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dal regolamento di istituto.

    Statuto degli studenti e regolamento d'istituto

    A tale ultimo proposito, va chiarito che ogni scuola è dotata di un proprio regolamento di istituto che detta le regole fondamentali che la reggono e che integra le disposizioni dello Statuto degli studenti.

    In particolare, nei vari regolamenti viene assicurata la corretta programmazione della vita e dell'attività dell'istituto e la sua organizzazione, con delle norme che garantiscono il buon funzionamento della scuola e il migliore rapporto tra studenti e insegnanti.

    A deliberare il regolamento di istituto è il Consiglio di istituto, che è un organismo interno alla scuola. Per questo motivo, tale testo non può mai derogare le previsioni dello statuto degli studenti, che è recato da un decreto del Presidente della Repubblica, ma può solo integrarle.

    Statuto degli studenti: le mancanze disciplinari

    Ai singoli regolamenti, lo Statuto affida espressamente il compito di individuare i comportamenti che configurano mancanze disciplinari con riferimento ai doveri degli studenti, le relative sanzioni, gli organi competenti a irrogarle e il relativo procedimento.

    Il tutto nel rispetto di alcuni principi fondamentali stabiliti dallo Statuto stesso, il quale, tra le altre cose, prevede che i provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e debbono rafforzare il senso di responsabilità dello studente, che la responsabilità disciplinare è personale, che le sanzioni sono sempre temporanee e che, in nessun caso, è possibile sanzionare la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità.

    Il patto educativo di corresponsabilità

    Infine, va detto che dal 2008 lo statuto prevede che i genitori e gli studenti, contestualmente all'iscrizione a scuola, sottoscrivano il cd. "Patto educativo di corresponsabilità", nel quale sono definiti in maniera dettagliata e condivisa tutti i diritti e i doveri che regolano il rapporto tra la scuola, gli studenti e le famiglie.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(08/12/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss