Sei in: Home » Articoli

Militari e comportamenti persecutori in ambito lavorativo

Condividi
Seguici

Nel rapporto di pubblico impiego il mobbing è una condotta del datore o del superiore gerarchico, complessa, continuata e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del dipendente con fini vessatori
mano appoggiata su parole sotto pressione
Avv. Francesco Pandolfi - Come si identifica il mobbing? Come ben si sa, non è facile rispondere a questa domanda.

  1. La sentenza del Tar
  2. Elementi del mobbing
  3. Cosa si vuole ottenere con la causa

La sentenza del Tar

Consapevoli della difficoltà tecnica, prendiamo allora spunto dalla sentenza della Terza Sezione del Tar Lombardia n. 1006/2019 del 12.03.2019 e pubblicata il 03.05.2019, per cercare di tratteggiare almeno le caratteristiche di base che necessariamente deve avere una domanda giudiziale per reggere l'urto del rigoroso vaglio del magistrato. La vicenda all'attenzione del giudice amministrativa ha per protagonista un maresciallo dei carabinieri che ha chiamato in causa il ministero della difesa per sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti per la condotta persecutoria (bossing) tenuta dai suoi superiori gerarchici.

Elementi del mobbing

In primo luogo bisogna focalizzarsi sui molteplici elementi che i giudici vogliono vedere chiaramente all'interno del ricorso tendente all'accertamento del fenomeno vessatorio del datore contro il dipendente.

Questi elementi, in sintesi, sono:

a) la molteplicità e globalità dei comportamenti a carattere vessatorio, posti in essere in modo sistematico e spalmato nel tempo, che mostrino un preciso disegno ostile del datore nei confronti del sottoposto;

b) il danno alla salute del dipendente;

c) il nesso tra la condotta datoriale e la lesione dell'integrità psicofisica del lavoratore;

d) la prova dell'intento persecutorio.

Ecco: la presenza di questi quattro elementi garantisce l'accoglimento della domanda di danni causati dal mobbing, almeno questo è quanto si ricava dal solco tracciato dalla giurisprudenza.

Invece e al contrario: l'assenza anche di uno solo tra questi elementi conduce verso il rigetto della domanda.

Cosa si vuole ottenere con la causa

Una causa che tende ad accertare il fenomeno persecutorio subito dal dipendente, ha come sbocco auspicato il risarcimento del danno.

Si tratta, tuttavia, di un percorso istruttorio a ostacoli: pertanto tutti coloro che intendessero valutare la fattibilità di una domanda così pensata, saranno chiamati a valutare attentamente la sussistenza dei quattro macroelementi indicati.

Nel caso i quattro elementi dovessero essere palesi, ben visibili e soprattutto sostenuti da prove solide, allora senza dubbio si potrà presentare il ricorso.



Altre informazioni?
Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(12/08/2019 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: l'ordinanza che mette a rischio centinaia di notifiche
» Divorzio: la Cassazione spazza via il tenore di vita

Newsletter f t in Rss