Sei in: Home » Articoli

Armi: la compagnia di soggetti con precedenti penali

Condividi
Seguici

Sorgono problemi quando si viene controllati in compagnia di soggetti gravati da pregiudizi penali e precedenti di polizia per reati gravi
Donna armata di pistola
Avv. Francesco Pandolfi - Potresti, teoricamente, essere notato e controllato in compagnia di una persona gravata da pregiudizi penali e precedenti di polizia.
Magari, questa persona ha a che fare con reati piuttosto seri quali, per esempio: rapina, estorsione, furto, lesioni personali e così via.

Le segnalazioni pregiudizievoli

Questa circostanza potrebbe portare l'Amministrazione ad emettere, a tuo carico, un divieto di detenzione delle armi, fondato su segnalazioni dalle quali risulta, appunto, la compagnia con persona gravata da pregiudizi penali e precedenti di polizia; oppure risulta lo stretto vincolo di parentela con soggetto sottoposto a fermo di indiziato di delitto, ad es., per reato di estorsione aggravata.

Problemi seri, non c'è che dire.

Cosa fare

Ora, di fronte ad una situazione come questa, qual è (se c'è) la via di uscita?

Ebbene, lo spunto per imbastire un ricorso con apprezzabili margini di riuscita è certamente quello di mettere in risalto che si tratta di eventi (i controlli con soggetti gravati) non sufficientemente circostanziati, mancando, per esempio, ogni riferimento all'epoca, alla frequenza ed alle situazioni concrete in cui sarebbero stati effettuati tali controlli.

Per dirla in altri termini: se, in linea di principio, gli elementi addotti a sostegno del provvedimento negativo potrebbero, in astratto, giustificare un d.d.a. (divieto detenzione armi), nella realtà l'inesistenza di elementi tali da supportare un giudizio di pericolosità del parente controindicato, oltre alla mancanza di riferimenti concreti relativi ai controlli fanno del provvedimento un atto amministrativo carente nella motivazione e, prima ancora, nell'istruttoria.

Dunque, si impone il ricorso per conseguire l'annullamento del provvedimento impugnato, ossia del divieto detenzione armi.



Altre informazioni?
Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(06/08/2019 - Avv.Francesco Pandolfi)
In evidenza oggi:
» Niente cognome paterno se il figlio si oppone
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» L'opposizione a decreto ingiuntivo - guida legale con modello di citazione
» Il condono edilizio
» L’oltraggio a pubblico ufficiale

Newsletter f t in Rss