Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Resto al Sud per professionisti: si attende il decreto

Condividi
Seguici

Il decreto interministeriale per l'allargamento della misura Resto al Sud anche ai professionisti deve ancora essere trasmesso al Consiglio di Stato per un parere
uomo che deve scegliere direzione tra nord e sud

di Gabriella Lax - L'estensione della platea dei beneficiari per "Resto al Sud" per il sostegno alla nascita di nuove imprese nel Mezzogiorno del Paese stenta decollare, considerando i tempi tecnici necessari.

Resto al Sud "allargato" ai professionisti, un decollo che stenta

Resto al Sud per gli under 46 del Mezzogiorno e quindi residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia senza un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e che non abbiano la titolarità di un'attività di impresa in esercizio.

La legge di Bilancio 2019 ha esteso la platea dei beneficiari della misura Resto al Sud: quest'anno degli incentivi potranno beneficiare le attività libero professionali, nonché gli under 46, mentre il limite precedente era fissato a 36 anni non compiuti. Ma ancora il decreto interministeriale che contiene l'ampliamento ai professionisti, rivisto dal ministero guidato da Barbara Lezzi, ha ricevuto solo ora l'ok dal Mise e dal Mef e, a breve, passerà al Consiglio di Stato per il parere.

Il fatto è che potrebbero volerci fino a 45 giorni. Ma non basta. Poi ci sarebbe la fase attuativa, perché una volta ottenuto il "bollino" di Palazzo Spada, servirà una circolare per disciplinare tempi e modi per la presentazione della domanda.

Ed è un peccato perché, come riporta il Sole 24 Ore, i numeri sono buoni: dal 15 gennaio 2018 al 31 marzo scorso 17.158 domande, di cui presentate e perfezionate 6.795 e in via di compilazione 10.363. Dal punto di vista economico sono circa 446 milioni di investimenti potenziali per 211 milioni di agevolazioni. Ecco le domande approvate: 2.587 progetti per 81 milioni di agevolazioni. Gli incentivi, lo ricordiamo, riguardano l'avvio di iniziative imprenditoriali per: produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura; fornitura di servizi alle imprese e alle persone; turismo. Ricomprese nel calderone anche le spese per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all'avvio dell'attività.

Leggi anche Resto al Sud: il manuale per l'uso

(16/04/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affitto: l'inquilino non ha l'obbligo di imbiancare casa a fine contratto
» Investigazioni e sicurezza: congresso a Roma con crediti formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss