Sei in: Home » Articoli

Royalty free

Condividi
Seguici

Cosa si intende per Royalty free, cosa comporta tale licenza, quali sono i costi e in cosa si differenzia dalla licenza Rights managed
licenza royalty free e copyright

di Valeria Zeppilli - Con il termine Royalty free si fa riferimento a una particolare tipologia di licenza che consente di accedere a delle foto, a dei video e ad altre risorse senza particolari restrizioni e corrispondendo solo una minima cifra una tantum.

Indice:

  1. Cos'è il Royalty free
  2. Royalty free e copyright
  3. Licenza Royalty free e licenza Rights managed
  4. I limiti al Royalty free
  5. I costi della licenza Royalty free

Cos'è il Royalty free

Tecnicamente il Royalty free è un contratto con il quale un soggetto, in genere un'agenzia, concede a un utilizzatore il diritto di utilizzare una determinata risorsa, fornendogli una licenza che non soggiace a limiti di tempo o di spazio e che prevede solo il pagamento di una somma iniziale e non di un canone periodico.

Ovviamente l'utilizzatore dovrà rispettare le linee-guida concordate con il licenziatario.

Royalty free e copyright

Occorre comunque precisare che, anche in caso di Royalty free, i diritti legati all'opera che è oggetto di tale contratto, come ad esempio quello di distribuirla, restano in capo al licenziatario e non si spostano in capo all'utilizzatore.

Non si tratta, infatti, di una licenza libera da diritti, quanto piuttosto di una licenza libera dal pagamento di royalties.

Licenza Royalty free e licenza Rights managed

Per comprendere meglio in cosa consiste una licenza Royalty free può essere utile paragonarla con la licenza Rights managed.

Quest'ultima infatti, a differenza della prima, dà all'utente il diritto di utilizzare una risorsa con restrizioni specifiche in ordine al tempo, al luogo, al tipo di industria e così via.

I limiti al Royalty free

Va comunque detto che, in alcuni casi, anche le licenze Royalty free soggiacciono a delle limitazioni, che comunque non sono affatto stringenti.

Ad esempio può accadere che il licenziatario limiti il numero di copie che è possibile riprodurre, ma all'interno di confini che restano comunque molto ampi.

I costi della licenza Royalty free

Venendo infine ai costi delle licenze Royalty free, non è possibile quantificarli in assoluto, posto che gli stessi sono strettamente connessi alla tipologia e alle caratteristiche del contenuto che si concede in utilizzo.

Non sarebbe equo, ad esempio, prevedere uno stesso costo per un'immagine Royalty free ad alta risoluzione e una a bassa risoluzione.

In ogni caso, non si va mai oltre qualche decina di euro.


Leggi anche Copyright: la guida completa

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(03/04/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Minore affidato al padre se la madre ostacola la frequentazione
» Scioglimento comunione dall'avvocato

Newsletter f t in Rss