Sei in: Home » Articoli

Patente di guida e stupefacenti: il potere del Prefetto

Venuto meno l'automatismo della revoca della patente, il Prefetto oggi deve formulare un giudizio ampio sulla persona, distinguendo ogni singolo caso
uomo che mette flag a patente di guida
Avv. Francesco Pandolfi - In caso di condanna di una persona per reati ex artt. 73 e 74 D.P.R. 309/90 (produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope; associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope), il provvedimento di revoca della patente di guida disposto dal Prefetto, a norma dell'art. 120 Codice della Strada, è atto facoltativo e non più vincolato.
Indice:

  1. Il potere del Prefetto
  2. La discrezionalità del Prefetto
  3. Un caso concreto

Il potere del Prefetto

Il potere del Prefetto oggi si esprime nel mondo giuridico con questa diversa modalità rispetto al passato.
La rimodulazione di questo potere proviene dalla Corte Costituzionale, che con la recente sentenza n. 22/18 ha introdotto il nuovo criterio.
Qual è però, in concreto, il risvolto pratico di tale nuovo criterio e, in ultima analisi, qual è la nuova veste di questo delicato potere?

La discrezionalità del Prefetto

Ebbene: ora il potere di revoca di cui all'art. 120 co. 2 C.d.S. si esercita discrezionalmente.

Si tratta di un cambiamento di non poco conto.
Infatti, tutti i provvedimenti di questo tipo adesso devono essere gestiti in modo completamente diverso rispetto al passato, per il fatto che venuto meno l'automatismo della revoca il Prefetto è chiamato ad elaborare un giudizio ampio sulla persona, effettuando una valutazione caso per caso, dal momento che la condanna (cui l'art. 120 fa riferimento) può riguardare reati di diversa o lieve entità, o magari commessi molti anni fa rispetto alla data di definizione del giudizio.

Un caso concreto

I Giudici si sono subito occupati della materia e, soprattutto, dei riflessi dell'innovazione portata dalla Corte Costituzionale.
Ad esempio, il Tar Ancona si è pronunciato sulla questione con la sentenza n. 655 dell'11.10.2018.
Qui, il provvedimento di revoca della patente di guida è del gennaio 2018: in prima battuta la persona interessata aveva proposto ricorso avanti il giudice ordinario, che aveva dichiarato il proprio difetto di giurisdizione in favore del giudice amministrativo.
Il Tar aveva posto in risalto la portata innovativa della già richiamata sentenza n. 22/18 e l'efficacia retroattiva della stessa.
Giudizio che si è concluso con l'accoglimento del ricorso e con l'annullamento della revoca della patente di guida.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed � autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(18/02/2019 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Condominio: il convegno di StudioCataldi.it a Roma
» Famiglia: i modelli per la redazione degli atti
» Divorzio: niente assegno all'ex moglie scansafatiche
» Reddito di cittadinanza, "nuove strette anti furbetti"
» Processo civile telematico: nulle le notifiche all'indirizzo Ini-Pec?
Newsletter f t in Rss