Sei in: Home » Articoli

Marchi d'impresa e brevetti: le nuove regole in arrivo

Il Consiglio dei Ministri approva i decreti legislativi di adeguamento dell'ordinamento interno alla normativa europea in materia di brevetti, marchi d'impresa e lotta alla contraffazione
brevetto proprieta intellettuale
di Gabriella Lax - Brevetti, marchi d'impresa e lotta alla contraffazione, il consiglio dei ministri, su proposta del ministro per gli affari europei, Paolo Savona, e dei ministri competenti ha approvato in esame preliminare i decreti legislativi di adeguamento alla normativa europea.

Marchi e brevetti: adeguamento norme Ue

Il Consiglio ha approvato un decreto legislativo attuativo della direttiva europea 2015/2436 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2015, sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d'impresa. La normativa europea stabiliva che, nei prossimi 7 anni «gli ordinamenti nazionali introducano nuove procedure amministrative al fine di superare le disparità esistenti tra i titolari di marchi di certi Paesi rispetto a quelli di altri, sia ampliando le fattispecie già esistenti in tema di diritti derivanti dal marchio, sia estendendo l'ambito di applicazione della tutela a nuovi tipi di marchio (es. olfattivi), superando il dato della mera riproducibilità grafica; in alcuni casi, come quello nazionale, dovrà introdursi ex novo una procedura amministrativa, alternativa alla via giudiziaria, per la decadenza o la dichiarazione di nullità dei marchi».

Per i brevetti, oltre a stabilire norme sostanziali sul brevetto europeo, viene istituita una giurisdizione comune per tutti i Paesi partecipanti, con competenza esclusiva sulle azioni di violazione, contraffazione, revoca, accertamento di nullità o non violazione dei brevetti europei, con o senza effetto unitario, nonché alle misure provvisorie e cautelari correlate, le domande riconvenzionali, le azioni di risarcimento danni anche in relazione ai certificati protettivi complementari rilasciati sulla base di un brevetto europeo.

Su dispositivi di protezione individuale e strumenti e contratti finanziari

Un altro decreto modifica la normativa nazionale in materia di dispositivi di protezione individuale per adeguarla alle disposizioni comunitarie. L'obiettivo è semplificare il quadro dell'immissione sul mercato degli stessi dispositivi che svolgono una funzione protettiva per l'utilizzatore e coordinarli in un'ottica di sicurezza e conformità dei prodotti.

Per quanto riguarda strumenti e contratti finanziari, per l'adeguamento degli ordinamenti nazionali alla normativa europea, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo che riguarda gli «indici di riferimento negli strumenti finanziari e nei contratti finanziari o per misurare la performance di fondi di investimento». La finalità è garantire il corretto funzionamento del mercato interno e la protezione dei consumatori e degli investitori, assicurando un coordinamento delle disposizioni che pongono obblighi a carico dei soggetti coinvolti nel calcolo degli indici di riferimento.

(23/11/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pi "fashion"
Newsletter f g+ t in Rss