Sei in: Home » Articoli

Militari: no alla perdita del grado per fatti non gravi

Per il Tar Cagliari, nel caso in cui un fatto addebitato penalmente a un militare non rivesta una particolare gravità, la perdita del grado per rimozione sarebbe sproporzionata
Soldatessa con munizioni
Avv. Francesco Pandolfi - Nel caso in cui un fatto addebitato in sede penale ad un militare non rivesta in sé una particolare gravità, essendosi l'amministrazione militare comportata verso il dipendente in modo da non adottare alcun provvedimento di sospensione cautelare dal servizio e parlandosi in definitiva di un fatto verificatosi fuori dal servizio e quindi completamente estraneo ad esso, ebbene un'eventuale sanzione disciplinare comminata per la perdita del grado per rimozione sarebbe sproporzionata.
Per esemplificare, pensiamo ad una situazione dove il militare entri in colluttazione con il suocero in una data circostanza.
Fatti che, essendo perimetrati ad uno scontro familiare non dovrebbero destare alcun clamore pubblico e, come tali, non dovrebbero arrecare un pregiudizio diretto all'Immagine del Corpo di appartenenza.
In effetti, secondo il Collegio giudicante di Cagliari (sentenza n. 267/18) così è.

Il caso

Il ricorso amministrativo del militare nel caso commentato viene esperito contro il decreto della D.G.P.M. (Direzione Generale del Personale Militare) con il quale viene comminata ai danni del ricorrente la perdita del grado per rimozione.
Ad un certo punto gli viene notificato l'avvio del procedimento disciplinare di stato in esito al procedimento penale e all'esame del giudicato penale, per fatti non attinenti alle proprie funzioni.
L'occasione della querela contro il militare viene, come sopra si è accennato, data da una lite con il suocero e per una presunta aggressione.

La soluzione del Tar

La sentenza del Tar Cagliari è favorevole al militare ricorrente.
Vediamo perché.
Il provvedimento impugnato dall'interessato viene annullato dal Tar in quanto i fatti ascritti al militare non hanno una portata dirompente al punto da poter essere considerati particolarmente gravi.
Si parla, in effetti, di un episodio modesto, tra l'altro complicato da ricostruire per quanto riguarda l'aspetto della dinamica della presunta colluttazione.
Ma poi, a tutto vantaggio del dipendente, milita l'argomento che l'amministrazione di appartenenza al verificarsi dell'episodio sconveniente decide di non adottare alcun provvedimento di sospensione cautelare dal servizio.
Ultimo, ma non ultimo, l'aspetto che trattasi di fatti lontani dal servizio e privi di danno all'immagine dell'Istituzione di appartenenza.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(15/07/2018 - Avv.Francesco Pandolfi)
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Auto davanti al cancello di casa è reato
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss