Oggi nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario in Cassazione, il primo presidente ha parlato anche di abuso di web e social
Giudice della cassazione

di Gabriella Lax - Parte dall'inaugurazione dell'anno giudiziario alla Corte di Cassazione il richiamo per i magistrati alla moderazione e al senso della misura anche con i media.

«Il vivere sociale impone ai magistrati precisi obblighi deontologici di misura e moderatezza, necessari per preservare la loro immagine di terzietà, non solo nell'ambito istituzionale, ma anche nella vita privata e nei rapporti con i mezzi di comunicazione» ha chiarito nella sua relazione, il primo presidente della Cassazione, Giovanni Mammone sottolineando come «autonomia e l'indipendenza sono beni che appartengono alla collettività, prima ancora che all'individuo-magistrato».

Magistratura, il presidente Mammone sull'abuso di web e social

Mamone parte dalla considerazione che, in questo momento storico, «l'abuso dei mezzi di comunicazione e degli strumenti di partecipazione sociale messi a disposizione della rete costituisce un fenomeno crescente e preoccupante» così, viene violato il diritto alla corretta informazione per i cittadini e dall'altro punto di vista si attuano «meccanismi di diffusione sociale delle notizie che possono arrecare anche inconsapevolmente danni a soggetti terzi».

Quale la cura per il presidente? Intanto agire per prevenire, «contrastando l'abuso prima che si realizzi il danno» ed ancora arginando il fenomeno delle frodi informatiche.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: