Sei in: Home » Articoli

Divieto detenzione armi e principio di cautela

Commento al parere del Consiglio di Stato n. 2548 del 06.12.2016
giudice tiene pistola come corpo del reato
Avv. Francesco Pandolfi - Il principio di cautela permea tutta la delicata materia della detenzione di armi, munizioni ed esplosivi. Vediamone l'applicazione in un caso di coabitazione con persona pregiudicata.

In occasione del ricorso straordinario di un interessato, il Consiglio di Stato ha precisato i caratteri di questo importante principio, descrivendo in base a quali elementi l'Autorità vieta la detenzione nel caso di convivenza con un soggetto pregiudicato.

Da questi elementi possiamo poi ricavare utili criteri guida, che illustrano "come prevenire" il divieto.

Punto di partenza del ragionamento del C.d.S. è la coabitazione del ricorrente con la persona pregiudicata.
E' evidente che una circostanza del genere, in applicazione del principio di cautela, porta l'Autorità all'applicazione della norma del divieto, valorizzando il contesto familiare e trascurando il fatto che il ricorrente sia estraneo ai pregiudizi penali del familiare.

I criteri guida


A questo punto, ricaviamo allora i criteri che possono essere utili per prevenire l'applicazione discrezionale e rigorosa delle norme di cautela da parte dell'autorità.

Innanzitutto escludere la convivenza.

E' vero infatti che l'Autorità di polizia vieta la detenzione armi quando il destinatario convive con chi può abusare delle stesse, dato che in questo caso si può ipotizzare la possibilità che l'arma venga utilizzata senza il consenso del titolare.

Di riflesso, evitare condizionamenti o tolleranze.

Il legame familiare e la convivenza possono comportare situazioni di questo tipo, anche in circostanze di diligente e sicura custodia delle armi.

In pratica


In una materia delicata come questa è fondamentale non dare spunto all'Autorità neppure con piccoli indizi sulla probabilità del possibile abuso dell'arma.

Nel caso specifico: pur respingendo il ricorso, la Sezione ha ritenuto di precisare che, in caso di effettiva cessazione del pericolo di abuso, resta salva la possibilità di un successivo nuovo esame da parte dell'autorità di pubblica sicurezza, dell'interesse in argomento.


Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed � autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(27/03/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Bollette gas: dal 1° gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato

Newsletter f g+ t in Rss