Sei in: Home » Articoli

Diritto ambientale: dal papa il vademecum per il rispetto della terra

L'appello del pontefice a riciclare, non sprecare l'acqua e usare i mezzi pubblici in occasione della Giornata mondiale del creato
primo piano del pontefice Francesco Bergoglio

di Marina Crisafi - Non smette mai di stupire papa Francesco e in occasione della Giornata Mondiale del Creato, stila un vero e proprio vademecum per il rispetto dell'ambiente. Nel messaggio di oggi in Vaticano alla presenza del card. Peter Turkson e del mons. Brian Farrell, rispettivamente, presidente e segretario del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la pace, il pontefiche ha elencato una serie di piccoli gesti quotidiani che tutti possono fare per rispettare la "casa comune".

"L'esame di coscienza, il pentimento e la confessione al padre ricco di misericordia conducono a un fermo proposito di cambiare vita. E questo deve tradursi in atteggiamenti e comportamenti concreti più rispettosi del creato – ricorda Bergoglio rifacendosi all'enciclica Laudato sì. Gesti concreti che possono consistere ad esempio nel "fare un uso oculato della plastica e della carta, non sprecare acqua, cibo ed energia elettrica, differenziare i rifiuti, trattare con cura gli altri esseri viventi, utilizzare il trasporto pubblico e condividere un medesimo veicolo tra più persone, e così via".

Mai pensare che si tratti di sforzi troppo piccoli per migliorare il mondo, rincara il pontefice, perché tali azioni "provocano in seno a

questa terra un bene che tende sempre a diffondersi, a volte invisibilmente e incoraggiano uno stile di vita profetico e contemplativo, capace di gioire profondamente senza essere ossessionati dal consumo".

Non perdere la speranza, dunque e ascoltare "il grido della terra" che da giardino rigoglioso "stiamo trasformando in una distesa inquinata di macerie, deserti e sporcizia". È questo il monito lanciato dal papa, che invita a non arrendersi e a non essere indifferenti "alla perdita della biodiversità e alla distruzione degli ecosistemi, spesso provocate dai nostri comportamenti irresponsabili ed egoistici".

Maltrattare la natura, significa maltrattare anche gli esseri umani avverte Francesco e ognuno deve fare la propria parte, i governi, le imprese e la gente comune, partendo da piccoli gesti per iniziare a riscattarsi "per i peccati commessi contro il mondo in cui viviamo".

(01/09/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF