Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chi ruba per fame non è un ladro

Azzerata la condanna in appello nei confronti di un senza tetto "recidivo" che aveva cercato di portar via formaggio e wurstel da un supermercato
giovane uomo barbone che mangia per strada

di Marina Crisafi - Due porzioni di formaggio e una confezione di wurstel per un valore di 4 euro. Era questo il misero "bottino" che un uomo, disoccupato, senza soldi né un tetto sulla testa aveva cercato di portar via da un supermercato solo per sfamarsi.

Per i giudici di merito, non c'è dubbio, la condotta, confermata dalla segnalazione di un "cliente" che lo aveva notato mentre si impossessava dei generi alimentari nascondendoli sotto la giacca, è valutabile come furto.

A nulla valgono le drammatiche condizioni dell'uomo, né il fatto che il reato, come sostenuto dal procuratore generale, era solo tentato, visto che lo stesso era stato bloccato dal personale che aveva ottenuto la pronta restituzione dei beni, e che in ogni caso sussistevano i presupposti per l'applicazione dell'art. 131-bis c.p. anche se l'imputato era "recidivo".

Gli Ermellini, però, danno ragione al pg.

Con la sentenza n. 18248/2016 (qui sotto allegata), la quinta sezione penale si discosta dalle argomentazioni della corte d'appello e conclude per la sussistenza della scriminante di cui all'art. 54 c.p.

"La condizione dell'imputato e le circostanze in cui è avvenuto l'impossamento della merce dimostrano che – l'uomo – si impossessò di quel poco cibo per far fronte ad una immediata ed imprescindibile esigenza di alimentarsi, agendo quindi in stato di necessità".

Per cui, si impone l'annullamento senza rinvio della sentenza impugnata perché il fatto non costituisce reato. 

Cassazione, sentenza n. 18248/2016
(02/05/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss