Sei in: Home » Articoli

Rumori: il bar affollato sino a tarda notte deve chiudere prima!

Per il Tar di Bolzano gli interessi economici devono cedere il passo a quelli alla salute e alla sicurezza dei cittadini
bar barista
di Valeria Zeppilli - Se un bar affollato e aperto sino a tarda notte, sette giorni su sette, disturba la quiete e il riposo notturno dei vicini, è legittimo il provvedimento con il quale il primo cittadino del Comune ove questo si trova ne dispone la chiusura anticipata.

Ad averlo stabilito è stato, recentemente, il T.A.R. di Bolzano, con la sentenza numero 193 del 2015.

Si tratta di una pronuncia indubbiamente rilevante, in quanto tocca una tematica molto discussa all'interno delle città e problematiche sempre più diffuse.

Per il giudice amministrativo non rileva che, con la chiusura, i profitti del gestore del bar siano intaccati: la pubblica quiete deve essere preservata.

Nel caso di specie, infatti, il locale restava aperto sino alle prime ore del mattino, diffondeva musica ad alto volume (peraltro lasciando porte e finestre spalancate) ed era pieno di avventori che schiamazzavano continuamente.

Questi ultimi, peraltro, rimanevano in prossimità del bar anche oltre l'orario di chiusura tanto da costringere più volte i vicini a chiamare i carabinieri o la polizia per tentare di riposare.

Dinanzi a questa situazione, per il T.A.R. trentino il sacrificio imposto al gestore del bar è indispensabile per tutelare interessi più importanti di quelli strettamente economici: la salute e la sicurezza delle persone.

Niente da fare quindi per il locale: serrande abbassate alle 22:00!

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(24/12/2015 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Reversibilità alla moglie anche senza mantenimento
» Condominio: il convegno di StudioCataldi.it a Roma
» Divorzio: niente assegno all'ex moglie scansafatiche
» Reddito di cittadinanza, "nuove strette anti furbetti"
» Processo civile telematico: nulle le notifiche all'indirizzo Ini-Pec?
Newsletter f t in Rss