Sei in: Home » Articoli

Insidie stradali: il fondo è scivoloso? Responsabile al 50% il centauro che non rispetta i limiti di velocità e cade

La Cassazione ricorda che il fatto del danneggiato può interrompere o intaccare il nesso eziologico alla base della responsabilità ex art. 2051 c.c.
autostrada strada rc auto incidente autovelox

di Valeria Zeppilli – Se il conducente non rispetta i limiti di velocità consigliati e cade a causa dell'asfalto scivoloso, la responsabilità dell'occorso non è solo del gestore della strada ma anche sua nella stessa misura.

Con la sentenza numero 23212 depositata il 13 novembre 2015 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione, tornando a pronunciarsi in materia di insidie stradali, ha infatti ricordato innanzitutto che la responsabilità ex articolo 2051 c.c. per cose in custodia ha natura oggettiva e necessita, per la sua configurabilità, del solo rapporto eziologico tra cosa ed evento.

I giudici, però, hanno anche ribadito che tale responsabilità può comunque essere esclusa dal caso fortuito, che può derivare anche dal fatto del danneggiato, laddove questo abbia un'efficacia causale idonea a interrompere del tutto il predetto nesso eziologico o sia tale da porsi come ulteriore contribuito utile nella produzione del danno.

Di conseguenza, la tragedia sfociata nella morte di un motociclista schiantatosi contro un guard-rail a causa dell'asfalto scivoloso per la presenza persistente di una perdita d'acqua non va imputata integralmente all'ente gestore della strada.

Anche il centauro ha una sua parte di responsabilità: se avesse rispettato il limite di velocità fissato in 80 chilometri orari, sarebbe probabilmente sfuggito al tragico destino che lo ha colpito.

Alla famiglia dell'uomo, quindi, spetta solo il 50% dei danni conseguenti alla dolorosa perdita.

Corte di cassazione testo sentenza numero 23212/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(15/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss