Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si alle differenze retributive spettanti per aver svolto di fatto mansioni da dirigente ancor prima della formale assunzione

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 4272/2011, ha ribadito che "la figura professionale del dirigente implica lo svolgimento di compiti coordinati e non già subordinati a quelli di altri dirigenti, di qualsiasi livello, i quali siano caratterizzati da significativa autonomia e poteri decisionali, che li differenziano qualitativamente da quelli affidati agli impiegati direttivi" e "l'accertamento in concreto della sussitenza delle condizioni necessarie per l'inquadramento nell'una o nell'altra categoria costituisce apprezzamento di fatto riservato al giudice di merito". Su tali principi la Corte di legittimità ha respinto il ricorso di una società, avverso la decisione dei giudici di merito che l'avevano condannata al pagamento delle differenze retributive spettanti ad un lavoratore per aver svolto mansioni di dirigente già prima della sua assunzione in qualità di dirigente, ritenendo la motivazione della Corte di merito congrua e priva di vizi logici.
(26/02/2011 - L.S.)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF