Sei in: Home » Articoli

Carburante, divario Ue salito a 7 centesimi al litro

Non si arrestano le polemiche che vedono schierati da una parte gli automobilisti italiani, rappresentanti dalle associazioni dei consumatori, dall'altra i petrolieri e i gestori delle pompe. I primi lamentano rincari ingiustificati dei carburanti, alla luce dei costi di produzione, nonché dell'evoluzione del cambio euro/dollaro. Stavolta, a differenza delle settimane scorse, rispondono direttamente i produttori di petrolio, tramite l'Unione Petrolifera, la quale chiarisce che già oggi sarebbe possibile, in circa 10 mila pompe su 23 mila, in Italia, fare benzina a prezzi in linea con quelli europei, o addirittura inferiori, se si considerano gli sconti legati al self-service. In questi giorni, infatti, è stata sfondata quota 1,50 euro al litro, una soglia psicologica e non solo. Aumenta, quindi, il divario storico tra la media dei prezzi europei e quelli italiani dei carburanti.
Se prima la forbice si attestava sui 3-4 centesimi al litro, a sfavore dell'Italia, oggi saremmo sui 7 centesimi. Il costo industriale, infatti, tende a divergere sempre più, dato che in Europa ammonta a 59 centesimo al litro, in media, mentre in Italia è già sui 66 centesimi. Altra fonte infinita di polemiche è poi la cosiddetta “doppia velocità”, ossia la tendenza alla pompa di adeguare al rialzo i prezzi subito, in conseguenza di un aumento del prezzo al barile o del deprezzamento dell'euro sul dollaro, mentre nel caso contrario, l'adeguamento al ribasso è sin troppo lento e parziale.
(23/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF