Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: processi lumaca? Lo stato risarcisca entro 60 giorni

lumaca id9520
Lo Stato deve risarcire in tempi brevi le parti che hanno diritto all'equa riparazione per l'irragionevole durata dei processi. E' quanto emerge da una sentenza della quarta sezione del Consiglio di Stato (la n. 9541/2010) che, richiamando l'art. 3 della legge 89/2001 ha chiarito come "il decreto di condanna emesso dalla Corte d'appello" in base alle suddetta normativa "per l'equa riparazione in caso di irragionevole durata del processo ha natura decisoria in materia di diritti soggettivi". Ciò significa secondo il Consiglio di Stato che ha efficacia di giudicato e che conseguentemente costituisce "un titolo valido nel giudizio di ottemperanza promosso nei confronti dell'amministrazione per ottenere l'esecuzione della condanna al pagamento della somma di denaro stabilita dal giudice". Nella sentenza il Consiglio di Stato ha dichiarato "l'obbligo sia del Ministero dell'economia e delle finanze che della Presidenza del Consiglio dei Ministri di conformarsi al giudicato" ed ha disposto il "pagamento in favore dei ricorrenti, entro il termine di sessanta giorni decorrenti dalla data di recezione della comunicazione in via amministrativa o dalla notificazione se precedente" della sentenza "della complessiva somma di euro 4.500 dovuta per il suddetto titolo a favore di ognuno dei tredici ricorrenti".
Vai al testo integrale della sentenza
(05/01/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
ANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele CantoneANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele Cantone
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF