Sei in: Home » Articoli

Ecco le proposte dell'Isvap per ridurre le tariffe RCauto del 15-18%

traffico auto id9509
Il Presidente dell'Isvap, Giancarlo Giannini, ha presentato alcune proposte per cercare di ridurre le tariffe Rcauto, nell'ordine del 15-18%, attuando alcune semplici norme di buon senso, prendendo atto di come i prezzi delle polizze assicurative siano lievitate a tal punto da divenire un salasso per gli assicurati. Vediamo i punti principali delle proposte dell'Isvap: Ripristino del risarcimento diretto, anche per fugare i dubbi della Corte Costituzionale, del 2008; Normativa omogenea sui risarcimenti per macro-lesioni, quelle cioè permanentemente invalidanti, che subiscono differenziazioni a secondo dei tribunali, anche nell'ordine di 100 mila euro e incidono sui costi per il 60%; Contrasto alle frodi, particolarmente diffuse al Sud, attraverso la dematerializzazione del contrassegno assicurativo, che viene spesso ben contraffatto, provocando danni alle assicurazioni e a terzi, nel caso di incidenti; Abolizione del tacito rinnovo, incentivando così gli assicurati, alla scadenza della polizza, a riconsiderare il proprio rapporto con la compagnia, a informarsi sulle tariffe sul mercato, quindi, stimolando la concorrenza. Secondo Giannini, se tutte queste poche e semplici norme, non tutte necessarie di interventi legislativi, fossero attuate, si potrebbe risparmiare in media il 15-18% sulle tariffe; un buon segnale, in un settore in cui vige una giungla di tariffe e condizioni.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF