Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è furto fare la copia di file aziendali

tastiera computer id9461
La copia non autorizzata di file in un supporto informatico altrui non costituisce furto giacchè non si verifica una perdita di possesso del bene. Lo ha chiarito la Quarta Sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza 44840/2010) specificando però che possono sussistere altri reati. Nel caso esaminato dalla Corte un dipendente dopo essersi procurato la copia di file aziendali li aveva trasmessi ad una impresa concorrente interessata a fare delle offerte concorrenziali. Non si tratta di furto secondo gli ermellini ma di certo si può configurare altra fattispecie criminosa come la rivelazione del segreto professionale o del segreto industriale specie se si considera che nel caso esaminato da Piazza Cavour i dati copiati erano stati poi consegnati ad una impresa concorrente che li aveva utilizzati per allestire offerte più vantaggiose.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/12/2010 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF