Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno ambientale? Si, alla prova per presunzioni

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 11059/2009) ha stabilito che il patema d'animo e la sofferenza interna, possono essere provati per presunzioni e che, per la prova per inferenza induttiva, è sufficiente la rilevante possibilità del determinarsi di un fatto in dipendenza del verificarsi dell'altro secondo criteri di regolarità causale. Gli Ermellini, nel caso di specie, hanno infatti precisato che “(…) la sentenza è del tutto conforme a diritto dove afferma che il danno non patrimoniale consistente nel patema d'animo e nella sofferenza interna ben può essere provato per presunzioni e che la prova per inferenza induttiva non postula che il fatto ignoto da dimostrare sia l'unico riflesso possibile di un fatto noto, essendo sufficiente la rilevante probabilità del determinarsi dell'uno in dipendenza del verificarsi dell'altro secondo criteri di regolarità causale”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/05/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF