Sei in: Home » Articoli

Cassazione: divulgazione segreti aziendali? Non punibile se non danneggia l'impresa

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 17744/2009) ha stabilito che non è punibile il dipendente che divulga i segreti aziendali a meno che l'impresa non riesca a dimostrare che il flusso di informazioni alla concorrenza ha causato un danno concreto. Gli Ermellini hanno infatti precisato che “ai sensi dell'art. 621 c.p. la rivelazione del contenuto di documenti segreti costituisce reato solo se dal fatto deriva un nocumento, inteso questo come pregiudizio giuridicamente rilevante di qualsiasi natura possa derivare a colui che abbia il diritto alla segretezza dei documenti.
La sentenza impugnata ha accertato che non vi fu nocumento, dal momento che dei documenti segreti non fu fatto uso e che non è stata accertata o individuata la presenza di un qualsiasi pregiudizio di natura, anche non patrimoniale, per la (…). La mancanza del nocumento, condizione di punibilità del fatto, esclude la sussistenza del reato anche solo tentato”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/04/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF