Sei in: Home » Articoli

Tremonti-bond: firmato il decreto

Nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato, è stato firmato dal Ministro dell'economia e delle finanze Giulio Tremonti, il decreto attuativo dell'art.12 del decreto “anticrisi” sul finanziamento dell'economia attraverso la sottoscrizione pubblica di obbligazioni bancarie speciali e relativi controlli parlamentari e territoriali, al fine di garantire la patrimonializzaizone del sistema bancario ed evitare danni all'economia reale dovute alla crisi economica mondiale. Il provvedimento, che permetterà al Ministero del Tesoro di sottoscrivere obbligazioni emesse dalle banche italiane, “disciplina criteri, modalità e condizioni della sottoscrizione degli strumenti finanziari”, come si legge nel primo comma dell'art.1 del decreto. Il decreto, formato da 4 articoli, si occupa all'art.2 di disciplinare la procedura di sottoscrizione di strumenti finanziari.
L'art.3 disciplina i “criteri di valutazione, condizioni e misura dell'intervento” e, infine, l'art.4 si interessa del monitoraggio delle operazioni, “con il supporto della Banca d'Italia, anche sulla base dei dati ricevuti dalle singole banche” controllando “l'espansione delle attività di bilancio delle banche interessate dagli interventi di cui al presente decreto”. Le banche, a fronte degli interventi, andranno a pagare una cedola annuale compresa tra il 7,5 e l'8,5%, aumenteranno le risorse da mettere a diposizione per le piccole e medie imprese e dovranno adottare un codice etico. Il Ministero ha sottolineato che per sottoscrivere le obbligazioni gli istituti dovranno inoltre dare un “contributo finanziario per rafforzare la dotazione del fondo di garanzia per le PMI”, e dovranno “promuovere gli accordi per anticipare le risorse necessarie alle imprese per il pagamento della cassa integrazione”. Le banche, infine, si dovranno altresì impegnare a sospendere il pagamento della rata del mutuo per almeno 12 mesi ai lavoratori in cassa integrazione o percettori di sussidio di disoccupazione.
(26/02/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF